Blog Details

Gamification e innovazione: nuovi modelli di comunità

Se ci è capitato di collezionare punti e bonus ed accedere ad una ricompensa, possiamo dire di aver già sperimentato la gamification, ovvero  l'arte e la scienza di applicare elementi tipici del gioco in contesti non ludici per incoraggiare il coinvolgimento e la qualità delle esperienze e delle relazioni con i nostri clienti. 

 

 Il termine "gamification" è stato coniato, nel 2002, dal programmatore britannico Nick Pelling e, da allora, questo settore è cresciuto rapidamente fino ad essere valutato $ 6,8 miliardi nel 2018, con una crescita del CAGR (Compound Annual Growth Rate) del 32% per raggiungere $ 40 miliardi entro il 2024 a causa della crescente domanda delle organizzazioni per l’arricchimento dell'esperienza dei propri clienti e un migliore coinvolgimento dei dipendenti. 

 

Stiamo assistendo, oltre alla diffusione delle già collaudate attività di e-learning, all’utilizzo di tecniche di gamification nella creazione di programmi di Advocacy (quando i clienti esistenti condividono la loro esperienza positiva con la nostra azienda con altre persone) e all’interno dei programma Community dove la creazione di valore si muove in modo multidirezionale non più dall’azienda verso il cliente ma tra cliente e cliente (quando un cliente fa da tutor ad uno nuovo).

 

Possiamo constatarlo in modelli semplici, come il programma di Starbuck "My Starbuck Rewards", dove i clienti aumentano il loro livello di fidelizzazione - a seconda del numero di acquisti - per ottenere di più oltre ai prodotti gratuit, o come l'app Nike + Run Club, che offre a tutti i runner l'opportunità di misurare tutte le sessioni di allenamento, seguire programmi di formazione personalizzato, condividere le statistiche di gara sui social network o partecipare a sfide per aggiudicarsi badge o trofei. Questi modelli favoriscono quel meccanismo competitivo che rappresenta il collante naturale della community.

 

In realtà la gamification può spingersi ancora più oltre.

 

Nella realtà ecosistemica dell’impresa, dove la collaborazione e lo scambio di competenze, conoscenze e risorse tra i diversi attori dell’ecosistema rappresentano il valore sottoforma di capitale semantico e relazionale, la gamification può essere il “framework narrativo” per incentivare la connessione e la coesione tra tutti i membri.

 

Creiamo esperienze di gamificazione per la nostra community. I giochi da sempre, per le meccaniche che incarnano, rappresentano per noi un’esperienza estremamente coinvolgente. Connetterci emotivamente con i nostri clienti, trasmettere autenticità e fiducia in ogni punto di contatto, rendere un'esperienza unica non è un semplice scambio dare avere. E’ emozione, è coinvolgimento, è sfida, ha un significato, è una storia a tappe. Il gioco incarna già in sé elementi come livelli (percorso da compiere), feedback immediato (per aiutare i progressi), punteggi e punti (per regalare al giocatore il senso di gratificazione), badge (per risultati conseguiti) competizione e collaborazione (quando più persone sono coinvolte). 




Inoltre, la gamification funziona perché crea un senso di appartenenza della comunità e premia i l’intensità e l’effort rispetto al tempo e la qualità delle relazioni che costruiamo, per raggiungere una vasta gamma di obiettivi costruiti intorno ad un significato comune.



 

Come possiamo, dunque, progettare una strategia di gamification per il nostro prodotto/servizio: 



Per prima cosa dobbiamo definire bene i nostri obiettivi. Sapere esattamente cosa vogliamo ottenere con il programma e come misureremo e valuteremo l’efficacia della nostre azioni. 

 

A questo punto ci toccherà disegnare il percorso di crescita che abbiamo immaginato per i membri della nostra community. Impostare le milestone che i nostri clienti devono raggiungere nel loro cammino, chiarire i loro obiettivi e i risultati chiave per misurare i progressi. 

 

Attenzione alle sfide: un badge o un trofeo senza una sfida ben strutturata non ha alcun significato. Importanti anche gli elementi sociali e relazionali che guidano le persone, tra cui tutoraggio, accettazione, risposte sociali, compagnia, nonché competizione e invidia.

 

Fondamentale definire bene lo scopo. Perché la gamification funzioni, i partecipanti devono sapere esattamente qual è il loro scopo, devono avere consapevolezza delle competenze richieste o avere l'opportunità di acquisirle. E devono avere la libertà e l'autonomia per fare ciò che serve per raggiungere i loro obiettivi. 

 

Una volta creato il sistema, è importante comunicare in modo chiaro agli utenti come funziona il programma e come possono trarne beneficio. Fondamentale sarà l'accesso e la possibilità di visualizzare con facilità le performance effettuate, i progressi ed eventuali classifiche per confrontare il loro successo con gli altri.

 

In genere, i sistemi di gamification si dividono in due modelli principali: il primo è un sistema basato sulla struttura, mentre il secondo un sistema basato sul contenuto.

 

Un sistema strutturale è la forma più semplice e più comune di gamification. Applica gli elementi del gioco solo a livello di struttura, senza possibilità di alterare i contenuti, e si basa sul comportamentismo e sul condizionamento operativo (rafforzamento di specifici comportamenti per raggiungere gli obiettivi desiderati). In generale, promuove un maggiore coinvolgimento dei partecipanti in un corso offrendo feedback e riconoscimenti/ricompense a comportamenti positivi (conclusione di attività e risoluzione di sfide).

 

I sistemi basati sul contenuto sono più complessi, e quindi molto più impegnativi e costosi da sviluppare. In questo tipo di gamification, è progettato il contesto e le attività utilizzate nei giochi, aggiungendo questi al contenuto che viene fruito. Possono essere utilizzati storie e personaggi, con gli utenti che assumono ruoli specifici all'interno dell'ambiente creato ad hoc.


Analizzeremo insieme meglio nei prossimi articoli alcune meccaniche e percorsi di gamification. Obiettivo di questo articolo era solo iniziare ad immaginare come disegnare un percorso diverso per chi abbiamo a cuore, un percorso dove chi prende parte può sentirsi libero di abbattere la distanza tra ciò che vuole fare è cosa deve fare….

Registrati, è gratis!

Registrati gratis alla piattaforma e ricevi la newsletter settimanale con il Meteo innovazione e le ultime novità dal blog, le playlist, gli articoli, i tool.

Articoli correlati

Image
Icons

Innovare con i giusti modelli mentali

Ognuno di noi ha un modo tutto suo con cui organizza, percepisce e comunica la propria realtà. In sintesi, abbiamo il nostro mental framing. Il framing ...

Leggi tutto
Image
Icons

Come i bias influenzano la nostra capacità di innovare

Ognuno di noi è incline a portare la propria visione del mondo in tutto ciò che fa, specialmente quando siamo chiamati ad innovare, prendere decis ...

Leggi tutto
Image
Icons

Raggiungere gli obiettivi? Con le parole saremo tutti bravi...

In questi giorni ci è capitato tra le mani un libro (di qualche anno fa, ma sempre attuale) “The Achievement Habit” del professor Bernar ...

Leggi tutto