Blog Details

Alla ricerca del FLOW

Che cos'è il flow?  Il suo autore, il ricercatore e psicologo Mihaly Csikszentmihalyi, nel suo libro del 1990 "Flow: The Psychology of Optimal Experience", lo descrive come  uno "stato di flusso creativo” che rende possibile agli atleti, agli artisti, agli scienziati e agli innovatori l’ avere altissime prestazioni senza produrre sforzi sovrumani. 

 

Entrare nel flow, infatti, significa entrare in uno stato particolare in cui idee e azioni che mettiamo in campo riescono a fluire naturalmente. Iniziamo un'attività che ci avvolge al punto tale che diventiamo un tutt’uno con essa e tutte le distrazioni intorno svaniscono, i compiti che iniziamo a svolgere diventano improvvisamente automatici e facili da svolgere che neanche ce ne accorgiamo. 

 

Ciò che ha scoperto Csikszentmihalyi  è che molte persone, in particolare quelle che che svolgono lavori creativi, raggiungono la felicità non grazie a ricompense economiche o a momenti rilassanti, di estrema tranquillità,  ma dallo svolgere l'attività che ci impegnano nel costruire qualcosa di nuovo e di utile. In questi momenti corpo e mente sono tesi oltre il limite impegnati a realizzare qualcosa di difficile che ci fa dimenticare tutto il resto. Per vivere un’esperienza di flusso, infatti, dobbiamo essere completamente avvolti nell'attività e concentrati al massimo senza alcuna distrazione.

 

Osserviamo lo schema in basso.

 

 

Flow



E’ importante notare che il livello di sfida e abilità richiesta dall'attività deve essere al giusto livello rispetto alle nostre attuali capacità. Se un'attività è troppo stimolante in base all’attuale nostro set di abilità potrebbe incappare in frustrazione, ansia e stress. Al contrario, se un'attività non è abbastanza impegnativa rischiamo di annoiarci ed abbandonare il tutto. 

 

E’ fondamentale inibire le funzioni di autocoscienza e autocensura del cervello che possono inibire l’entrare in uno stato di flusso. Persone che sperimentano più volte lo stato di flow hanno probabilmente livelli più bassi di ansia e livelli più alti di coscienza. Sono meno stressate dalla vita di tutti i giorni o distratte dalle minuzie e quindi più in grado di concentrarsi maggiormente sull'attività a portata di mano e trascorrere tutto il tempo a praticare quell’attività, senza incorrere in distrazioni.

 

L’esperienza di flusso è importante sia perché rende l'istante più piacevole, sia perché costruisce la fiducia in noi stessi e ci consente di sviluppare abilità e di creare un'esistenza significativa.



Come riuscire nel nostro compito?

Eliminando le distrazioni e concentrandoci una task per volta. Dobbiamo imparare ad essere consapevoli di noi stessi e delle nostre azioni vivendo a pieno il momento in cui stiamo agendo. Impariamo a goderci a pieno tutto il percorso del nostro progetto, a lavoro o nella vita privata, piuttosto che pensare al risultato o al prodotto finale.

Registrati, è gratis!

Registrati gratis alla piattaforma e ricevi la newsletter settimanale con il Meteo innovazione e le ultime novità dal blog, le playlist, gli articoli, i tool.

Articoli correlati

Image
Icons

Innovare con i giusti modelli mentali

Ognuno di noi ha un modo tutto suo con cui organizza, percepisce e comunica la propria realtà. In sintesi, abbiamo il nostro mental framing. Il framing ...

Leggi tutto
Image
Icons

Come i bias influenzano la nostra capacità di innovare

Ognuno di noi è incline a portare la propria visione del mondo in tutto ciò che fa, specialmente quando siamo chiamati ad innovare, prendere decis ...

Leggi tutto
Image
Icons

Raggiungere gli obiettivi? Con le parole saremo tutti bravi...

In questi giorni ci è capitato tra le mani un libro (di qualche anno fa, ma sempre attuale) “The Achievement Habit” del professor Bernar ...

Leggi tutto